Manifestazione 28 Novembre:Basta silenzio,vogliamo risposte!

VOGLIAMO I FONDI!
Martedì 28 Novembre centinaia di studenti sono scesi in piazza dando vita ad un corteo animato dal Collettivo Emilio Greco, che vuole denunciare l’assurdità della situazione in cui si trovano loro soprattutto ma anche altre scuole catanesi!
L’Emilio Greco infatti soffre di una mancanza di aule che ormai va avanti da 5 anni, che li costringe a fare lezioni nei corridoi e dato che sono un liceo artistico devono disegnare sdraiati e in posizioni impensabili. Ma quest’anno hanno deciso di dire basta, hanno occupato la loro scuola e stanno cercando di farsi sentire in tutti i modi.
Martedì quindi dopo esserci riuniti nella piazza di fronte lo Spedalieri, siamo partiti e con determinazione abbiamo fatto sentire la nostra voce a tutte le persone che si fermavano a guardare. Abbiamo anche ribadito come il problema dell’edilizia scolastica sia dato dal fatto che le si spendono troppi soldi per far guadagnare chi soldi già ne ha e soprattutto per comprare armamenti e rafforzare l’apparato militare. Crediamo sia inaccettabile infatti che l’Italia spenda 70 milioni di euro al giorno per le spese militari, mentre continua a tagliare sulle spese sociali come sanità, servizi pubblici e quindi anche l’istruzione! I soldi ci sono, solo che sono spesi male!
Solidarietà dunque agli studenti dell’Emilio Greco, la loro lotta è una lotta che appartiene a ogni studente e il nostro supporto si inserisce nel percorso di mobilitazione che stiamo facendo per questo tema. Abbiamo iniziato infatti con un presidio abbastanza partecipato sotto il Provveditorato il 27 ottobre, una delegazione è stata ricevuta ed ha esposto i principali problemi strutturali delle scuole che siamo riusciti a coinvolgere, richiedendo che degli ispettori del MIUR facessero un’ispezione nelle scuole per registrare le mancanze strutturali e avviare i lavori: il viceprovveditore si è preso l’impegno di organizzare un tavolo con la provincia, ma dopo un mese di questo tavolo non ne sappiamo ancora nulla! Con il corteo di martedì 28 Novembre una delegazione è stata ricevuta dal comune e ha ribadito la situazione di disagio dell’Emilio Greco ma anche che è una situazione comune a tante scuole catanesi. Si aspetta una risposta entro 10 giorni, ma intanto ci stiamo organizzando per ottenere un incontro direttamente con la provincia!
BASTA SILENZIO, VOGLIAMO RISPOSTE!
#PotereAgliStudenti
Liberi Pensieri Studenteschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *